immagine_rss
Scelta lingua: RU Scelta lingua: RO Scelta lingua: PL Scelta lingua: EN Scelta lingua: IT_off

UTILIZZO DEI COOKIES

Facciamo uso di Google Analytics per monitorare il numero delle visite al nostro sito ed il comportamento dei visitatori durante la navigazione.

Per garantire la tua privacy, utilizziamo l’anonimizzazione del tuo indirizzo IP, la creazione di uno UserID variabile ed impediamo che Analytics salvi dei cookie all’interno del tuo browser.

Nessuna pagina dei nostri siti nella quale vengano richiesti i tuoi dati personali viene fatta scandagliare da Google Analytics.

Nessun altro prodotto di Google è collegato ai dati raccolti da Analytics.

All’interno del nostro sito non facciamo uso di nessun altro strumento di terzi che potrebbe profilare i visitatori, e non incorporiamo alcun legame con i social network.

Utilizziamo un singolo cookie al solo scopo di non presentarti ogni volta l’informativa sull’uso dei cookie.

Argomento:     

12.11.2012 - FERIE: tempi di utilizzo

Queste brevi note hanno l’obiettivo di fare il punto sui tempi di utilizzo delle ferie che devono essere godute entro 18 mesi ( articolo 10 del decreto legislativo 66/03, modificato dal decreto legislativo 213/04).

In caso di mancato rispetto dei termini, è prevista una sanzione amministrativa a carico del datore di lavoro che varia dai 130 euro a 780 euro per ogni dipendente e per ogni periodo, come previsto dal citato decreto.

Per esempio le ferie dell'anno 2010 avrebbero dovuto essere godute entro il 30-06-2012.

Mentre quelle maturate maturate nell'anno 2012 dovranno essere “consumate” entro il 30-06-2013. Al fine di poter predisporre un piano di utilizzo, soprattutto per i dipendenti con elevati giorni residui, sarebbe opportuno verificare i giorni rimanenti ; tali valori sono riportati nei cedolini paga.

E’ opportuno ricordare che

  • alla scadenza del termine dei 18 mesi o comunque in caso di dimissioni del dipendente le ferie non godute andranno saldate;
  • alla scadenza del termine dei 18 mesi o comunque in caso di dimissioni del il mancato godimento delle ferie entro i termini stabiliti dal decreto legislativo 66/03 comporta anche il versamento anticipato dei contributi agli enti previdenziali. Secondo l'Inps, infatti, le disposizioni non modificano i principi fissati a partire dal 1999, secondo i quali il rispetto del criterio di competenza impone il versamento dei contributi previdenziali non oltre il termine entro il quale le ferie devono essere consumate.