immagine_rss
Scelta lingua: RU Scelta lingua: RO Scelta lingua: PL Scelta lingua: EN Scelta lingua: IT_off

UTILIZZO DEI COOKIES

Facciamo uso di Google Analytics per monitorare il numero delle visite al nostro sito ed il comportamento dei visitatori durante la navigazione.

Per garantire la tua privacy, utilizziamo l’anonimizzazione del tuo indirizzo IP, la creazione di uno UserID variabile ed impediamo che Analytics salvi dei cookie all’interno del tuo browser.

Nessuna pagina dei nostri siti nella quale vengano richiesti i tuoi dati personali viene fatta scandagliare da Google Analytics.

Nessun altro prodotto di Google è collegato ai dati raccolti da Analytics.

All’interno del nostro sito non facciamo uso di nessun altro strumento di terzi che potrebbe profilare i visitatori, e non incorporiamo alcun legame con i social network.

Utilizziamo un singolo cookie al solo scopo di non presentarti ogni volta l’informativa sull’uso dei cookie.

Argomento:     

16.01.2014 - Incaricato delle vendite a domicilio: fino a 5.000 euro pochi adempimenti

Continuiamo ad esaminare l'attività di incaricato delle vendite a domicilio. Innanzi tutto vogliamo rassicurare che i pochi adempimenti richiesti non configurano un'attività "in nero". Innanzi tutto ricordiamo che a seguito della nuova disciplina introdotta dalla legge n. 173 del 17 agosto 2005, l'attività dei venditori a domicilio (anche detti "porta a porta") può essere svolta con o senza vincolo di subordinazione.

Nel caso questa attività venga svolta senza vincolo di subordinazione, la stessa può essere esercitata sia in maniera abituale che occasionale.

Per quanto espressamente disposto dall'articolo 3 della legge 173/2005, l'attività del venditore "porta a porta" senza vincolo di subordinazione è di carattere occasionale sino a al conseguimento di un reddito annuo, derivante da questa attività, non superiore a 5.000 euro.

Se supera tale limite bisogna aprire la partita Iva indicando il codice Ateco 46.19.02.

C’è da precisare che per le prestazioni rese dagli incaricati alle vendite a domicilio, i compensi sono assoggettati a imposizione attraverso l'applicazione di una ritenuta alla fonte (cioè un'imposta che si applica in modo definitivo) pari all’aliquota del 23%. Questa imposta viene calcolata riducendo l'importo del 22%, a titolo di deduzione forfetaria delle spese di produzione del reddito (insomma un riconoscimento dei costi).

In altre parole l’attività è abituale e richiede l’apertura della partita Iva, se nell'anno solare per la stessa le provvigioni meno la deduzione forfetaria del 22%, è superiore a 5 mila euro.

Concludendo

AI FINI IVA

Fino a 5.000 euro l’attività di incaricato alle vendite a domicilio è considerata occasionale. E quindi l’incaricato non deve fare nulla.

Dopo i 5.000 euro l’attività di incaricato alle vendite a domicilio è considerata abituale. E quindi l’incaricato deve aprire la partita Iva e presentare la dichiarazione Iva

RISPETTO AI REDDITI

L’incaricato delle vendite a domicilio non deve presentare alcuna dichiarazione dei redditi perché il committente (Avon per esempio) tratterrà dal suo compenso la ritenuta a titolo di imposta definitiva dai compensi maturati

======================

Vedi anche

Gli incaricati delle vendite a domicilio

======================

Per maggiori informazioni e assistenza contattaci