immagine_rss
Scelta lingua: RU Scelta lingua: RO Scelta lingua: PL Scelta lingua: EN Scelta lingua: IT_off

UTILIZZO DEI COOKIES

Facciamo uso di Google Analytics per monitorare il numero delle visite al nostro sito ed il comportamento dei visitatori durante la navigazione.

Per garantire la tua privacy, utilizziamo l’anonimizzazione del tuo indirizzo IP, la creazione di uno UserID variabile ed impediamo che Analytics salvi dei cookie all’interno del tuo browser.

Nessuna pagina dei nostri siti nella quale vengano richiesti i tuoi dati personali viene fatta scandagliare da Google Analytics.

Nessun altro prodotto di Google è collegato ai dati raccolti da Analytics.

All’interno del nostro sito non facciamo uso di nessun altro strumento di terzi che potrebbe profilare i visitatori, e non incorporiamo alcun legame con i social network.

Utilizziamo un singolo cookie al solo scopo di non presentarti ogni volta l’informativa sull’uso dei cookie.

Argomento:     

02.05.2014 - Assegni familiari ai lavoratori domestici

Anche i lavoratori domestici domestici italiani, comunitari ed extracomunitari che lavorano in Italia hanno diritto all'assegno per il proprio nucleo familiare.

Il nucleo familiare è composto da:

  • richiedente
  • coniuge non separato legalmente ed effettivamente o divorziato
  • figli ed equiparati minori e maggiorenni inabili
  • figli ed equiparati studenti o apprendisti tra 18 e 21 anni solo se facenti parte di nuclei numerosi
  • nipoti minori in linea retta viventi a carico dell’ascendente

fratelli, sorelle e nipoti del richiedente orfani di entrambi i genitori e non titolari di pensione ai superstiti.

Attenzione:

I lavoratori extracomunitari hanno diritto solo per i familiari residenti in Italia o in Paesi convenzionati.

Al momento i paesi convenzionati sono:

  • Stati dell'Unione Europea;
  • Capo Verde;
  • Stati della ex Jugoslavia;
  • Liechtenstein;
  • Principato di Monaco;
  • Repubblica di San Marino;
  • Svizzera;
  • Tunisia (massimo 4 figli);
  • Santa Sede.

come precisato dall'inps

Spetta ai lavoratori che hanno un reddito del nucleo inferiore alle fasce reddituali stabilite ogni anno dalla Legge e costituito almeno per il 70% da redditi da lavoro dipendente o assimilati.

Formano il reddito familiare i redditi complessivi assoggettabili all’Irpef, i redditi di qualsiasi natura e quelli esenti da imposta o soggetti ritenuta alla fonte se complessivamente superiori ad Euro 1.032,91.

Non sono considerate reddito le somme espressamente previste dalla Legge (ad es. i trattamenti di famiglia, i trattamenti di fine rapporto, le pensioni di guerra, le indennità di accompagnamento e le rendite INAIL).

La domanda deve essere presentata alla Sede INPS territorialmente competente, sulla base della residenza del lavoratore. Il relativo modello ANF/PREST (SR 32) è disponibile sul sito Internet dell’Istituto www.inps.it.

L’assegno spetta dall’inizio dell’attività lavorativa se il richiedente possiede i requisiti richiesti dalla Legge ovvero dall’insorgenza del diritto nei limiti della prescrizione quinquennale.

L’assegno spetta fino alla cessazione dell’attività lavorativa e/o fino al momento della perdita dei requisiti richiesti.

La misura dell’assegno varia in base alla tipologia, al numero dei componenti e al reddito del nucleo familiare.

Importi e fasce sono pubblicati, annualmente, in tabelle aventi validità dal 1° luglio di ogni anno al 30 giugno dell’anno seguente.

L’assegno è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).

In alcune condizioni l’assegno può essere pagato al coniuge del lavoratore domestico.

======================

Per maggiori informazioni,assistenza e preventivo contattaci

======================