immagine_rss
Scelta lingua: RU Scelta lingua: RO Scelta lingua: PL Scelta lingua: EN Scelta lingua: IT_off

UTILIZZO DEI COOKIES

Facciamo uso di Google Analytics per monitorare il numero delle visite al nostro sito ed il comportamento dei visitatori durante la navigazione.

Per garantire la tua privacy, utilizziamo l’anonimizzazione del tuo indirizzo IP, la creazione di uno UserID variabile ed impediamo che Analytics salvi dei cookie all’interno del tuo browser.

Nessuna pagina dei nostri siti nella quale vengano richiesti i tuoi dati personali viene fatta scandagliare da Google Analytics.

Nessun altro prodotto di Google è collegato ai dati raccolti da Analytics.

All’interno del nostro sito non facciamo uso di nessun altro strumento di terzi che potrebbe profilare i visitatori, e non incorporiamo alcun legame con i social network.

Utilizziamo un singolo cookie al solo scopo di non presentarti ogni volta l’informativa sull’uso dei cookie.

Argomento:     

05.01.2015 - Comunicazione dei beni concessi in godimento a soci e familari

E’ importante ricordare la delicatezza e la complessità del regime fiscale dei beni dell’impresa concessi in godimento a soci o familiari dell’imprenditore, applicabili dal 2012 (introdotto dall’art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv. L. 14.9.2011 n. 148) :

  • per il socio/familiare costituisce reddito diverso, su cui pagare le imposte (art. 67 del TUIR) la differenza tra il valore di mercato e il corrispettivo annuo per la concessione in godimento dei beni dell’impresa (se di valore non superiore a 3.000,00 euro, al netto dell’IVA);
  • i costi relativi ai beni dell’impresa concessi in godimento a soci o familiari dell’imprenditore per un corrispettivo annuo inferiore al valore di mercato del diritto di godimento non sono deducibili.

Spesso capita che l’imprenditore o il socio apportino nell’impresa o nella società soldi propri. Anche il questo caso è necessario dare al fisco evidenza di tale apporto, tranne nel caso in cui l’apporto non superi i 3.600 euro. (l’art. 2 co. 36-septiesdecies del suddetto DL 138/2011).

Obiettivo delle due norme:

  • scoraggiare l’utilizzo a titolo personale, da parte dei soci o dei familiari dell’imprenditore, di beni intestati a società commerciali oppure a imprese individuali;
  • fornire dati utili per l’applicazione del redditometro in capo ai soci/familiari.

Di queste posizioni deve essere informata l’Agenzia delle Entrate, con un’apposita comunicazione, tenendo presente che gli effetti economici, per la società, gli imprenditori e i familiari coinvolti, si riflettono sulla dichiarazione dei redditi e sull’ammontare delle imposte da pagare.

dichiarazione di utilizzo e finanziamenti ricevuti

dichiarazione di non concessione

per approfondire l'argomento

Finanziamenti e beni in godimento a soci e familiari:quali inserire?

http://www.studiocapaccio.eu/articoli.php?id=790&lng=IT

=======================================

Per maggiori informazioni, assistenza e preventivo contattaci

=======================================